La lotta contro quel male oscuro

All’inizio di luglio, Stefano Ratini il fondatore di questo blog è andato via. Questo è il ricordo straziante, ma anche l’appello di Maurizio Pietropaoli, il cui impegno è stato determinante alla nascita di questo spazio.

Stefano dovevi essere il protagonista della storia che io Stefano Ianni e un noto critico stavamo pensando. Non hai visto il documentario. Con Federica Cassella abbiamo girato per ben otto mesi tra un festival e l’altro. Questo blog, presente-mente è stato ideato da te. Sono contento di essere riuscito a darti l’impulso per farlo partire. Ricordi? Tutto è nato tra le mura della nostra associazione, nel cui giardino avremmo dovuto fare la presentazione. Quel giorno piovve. Però il blog partì lo stesso. Ma che ne sa la gente del male oscuro, dei nostri istinti malefici senza le dovute cure. Il tuo ricostituente l’avresti dovuto fare il tre. Poche ore prima è finito tutto. Poco dopo che ci siamo sentiti. Avresti dovuto preparare la valigia. Lì non ti hanno saputo aiutare. Anzi, chissà come era il reparto lì. Qui di sicuro avresti trovato la vita, da quando te ne sei andato io ho preso il tuo vecchio posto da cocainomane.

Continua a leggere “La lotta contro quel male oscuro”

Esiste Nestore!

Quindi, alla fine ti sei lasciato soccombere da quel pensiero che non ti convinceva mai ma che ogni tanto ritiravi fuori così, per spiazzarci tutti nel bel mezzo di una cena. Quel pensiero ha cambiato l’attimo e purtroppo è stato fatale, un attimo privo di ogni consapevolezza della tua vita e della tua morte.

“Ognuno di noi ogni notte va a dormire con una tigre accanto”, racconta una storia cinese, “tu non puoi sapere se questa al risveglio vorrà leccarti o sbranarti”. È una metafora dell’esistenza attraverso la quale si vuole analizzare la relazione che ognuno di noi ha con i propri limiti. “Solo cercando di migliorarci costantemente possiamo renderci amica la tigre, in quanto nessuno può evitare la peggiore e più pericolosa delle compagnie, quella di noi stessi.” Continua a leggere “Esiste Nestore!”

Ciao Ste’

Ci sono voluti giorni per capire cosa e come scrivere per dire qualcosa che mai avremmo voluto dire.

Stefano non c’è più.

Amava scrivere e descrivere le realtà che viveva, e come le viveva. Lo faceva anche attraverso questo blog che coordinava. Qui, su queste pagine, scriveva di salute mentale senza schemi o pudori. Il suo modo di combattere lo stigma subìto da tante persone che soffrono di disturbi psichici, proprio a partire dalle proprie esperienze personali di cui non aveva problemi a parlare.

Se n’è andato davanti all’Oceano, a soli 47 anni.

Stefano Ratini da anni si divideva tra Las Palmas de Gran Canaria, la principale città dell’isola dell’oceano Atlantico, L’Aquila e Lucoli, in Abruzzo, la sua terra di origine.

Ciao Ste’, le tue battaglie non si fermano qui.

Due anni di Presente-mente

Due anni fa, in occasione del quarantesimo anniversario della legge Basaglia, nasceva presente-mente, la piattaforma libera sulla salute mentale ideata da Stefano Ratini. 

In questi due anni abbiamo dato voce alla profondità del sentire di persone che, soffrendo di un disagio mentale, hanno dimostrato una sensibilità fuori dal comune; uno per tutti il racconto “Nel sogno di Celestino” di Maurizio Pietropaoli.

Abbiamo riportato esperienze di persone che hanno un vissuto di disagio mentale o disturbi psico-affettivi come il pezzo d’esordio del blog Solo la tua testa è più forte della tua testa dello stesso Ratini. 

Abbiamo pubblicato testi e video in cui il tema del disagio mentale si sublima in arte, come i contributi di Giuseppe Tomei sulla follia.

Ci siamo occupati dello stigma sulla malattia mentale e abbiamo fatto anche cronaca quando è risultato urgente e doveroso, come in alcuni casi di TSO poco chiari o “forzati”, con visite sul blog anche di centinaia all’ora.

Siamo sempre aperti alla collaborazione di chiunque voglia dare il suo contributo o comunque dire la sua, sempre nel segno degli insegnamenti di Basaglia, il quale diceva: “visto da vicino nessuno è normale”.

La nostra goccia, nel segno di Basaglia

Un anno fa, nel giorno del quarantennale della legge Basaglia, decidemmo di lanciare questo blog. Un omaggio – tributo a quella “misura legislativa” di un movimento culturale, sociale e politico che sanciva la chiusura di quei luoghi di contenzione disumani che furono i manicomi, ma che – soprattutto – gettò le basi per un’attenzione diversa ai disturbi mentali. Continua a leggere “La nostra goccia, nel segno di Basaglia”

Una nuova alba dentro l’imbrunire

Penso a come stavo bene prima,  a come sono stato bene per tanto tempo pensando di essere guarito, a tutti i programmi di viaggi che avevo, a come tutto è crollato in un momento ma anche a come tutto questo abbia un senso,  forse si, forse bisogna saperlo vedere il senso ma c’è, c’è di sicuro.

“E il mio maestro mi insegnò come è difficile trovare l’alba dentro l’imbrunire.”

Dovevo imparare qualcosa, dovevo capire  che non si può e non si deve cantare vittoria troppo presto,  non ci si può e non ci si deve lasciar portare troppo in alto o lasciarsi troppo andare.

Forse dovevo passare attraverso questa esperienza per capire, per conoscere meglio me stesso e imparare a non concedermi eccezioni alla regola.

di Stefano Ratini

L’altra mente a Foligno, l’arte come via d’uscita

Abbiamo intervistato gli organizzatori del Festival l’altra mente di Foligno alla seconda edizione. Il festival ospita performance teatrali musicali di letteratura e incontri di carattere teorico scientifico. Riflette la complessità del tema della salute mentale e incoraggia la cultura della solidarietà e dell’accoglienza per il superamento dei pregiudizi e dello stigma sociale.

Continua a leggere “L’altra mente a Foligno, l’arte come via d’uscita”

Blog su WordPress.com.

Su ↑