Don Gianluca e il reato di “diverso pensiero”

di Aldo Maria Valli – A Castelletto di Leno (millecinquecento abitanti, provincia di Brescia) c’era una volta un parroco. Questo parroco si chiamava don Gianluca Loda e aveva una strana abitudine. Anzi, tre. La prima era quella di pensare con la sua testa, la seconda era quella di dire ciò che pensava, la terza quella di pensare cose piuttosto diverse da quelle imposte dal pensiero dominante. Continua a leggere “Don Gianluca e il reato di “diverso pensiero””

“To be or not to be a genious”

di Giuseppe Tomei * – “Shakespeare era un genio!”

Una delle frasi più abusate nel mondo della cultura e dello spettacolo da secoli a questa parte, anche da chi le opere del bardo nato e morto a Stratford-upon-Avon non le ha mai lette o, peggio ancora!, non ha mai assistito a un loro degna rappresentazione a teatro.

Questo il destino di una delle più grandi personalità della letteratura di ogni tempo e di ogni paese nonché, ad uno sguardo storico più ravvicinato,  uno degli esponenti principali del rinascimento inglese. Continua a leggere ““To be or not to be a genious””

“Volevo solo nascondermi”: ritratto di Ligabue, il pittore naif

“Volevo solo nascondermi” di Giorgio Diritti, reduce dall’Orso d’argento come migliore attore al suo protagonista Elio Germano, sospeso il 27 febbraio arriva in sala in questi giorni. Appare esattamente come ce lo si aspettava: un film classico, filologicamente inappuntabile e con il valore aggiunto di Germano nei panni di un Ligabue sincopato e ricco di artistici grugniti.

Non solo, da parte del regista emiliano anche una grande attenzione alla biografia del pittore, sempre alle prese con la sua follia, e poi tante rassicuranti immagini di paesaggi, natura e animali. Tra le molte difficoltà di Germano, che ha vestito i panni di Antonio Costa conosciuto come Ligabue, anche quella di confrontarsi indirettamente con la storica e indimenticabile interpretazione di Flavio Bucci, appena scomparso, che aveva interpretato nel 1977 il pittore naif in una serie tv in tre puntate a firma di Salvatore Nocita. Continua a leggere ““Volevo solo nascondermi”: ritratto di Ligabue, il pittore naif”

L’uomo bipolare e la coscienza indaco

Il labirinto della mente non possiede uscite, è un serpente che si morde la coda, un luogo a chiusura stagna da cui non esistono pertugi di fuga. Ah, la solitudine di sentirsi vivo in un mondo di morti!. Qual è il senso reale della vita moderna? Qual è lo scopo ultimo dell’esistenza umana? La famiglia degli uomini dovrà continuare a giocare in eterno nel grande  paese dei balocchi tecnologici per ottenere beni materiali a più non posso? Qualcosa non va in questo stato di cose e sento il fuoco della ribellione ribollire nelle mie vene, poiché sono un Uomo!

Continua a leggere “L’uomo bipolare e la coscienza indaco”

Lo stigma che diventa arte: l’omaggio di The Vision ad Alda Merini

Dieci anni fa moriva la poetessa milanese Alda Merini, una donna che ha attraversato il Novecento subendo tutte le umiliazioni che quel secolo ancora imponeva a chi soffriva di disturbi mentali. Merini patì in questo senso un doppio calvario, colpevole di essere malata di mente e per di più donna. Nonostante tutto, però, “la poetessa dei Navigli” elaborò la sua esperienza drammatica riuscendo a elevare le sue sofferenze al livello dell’arte grazie alla poesia. Continua a leggere “Lo stigma che diventa arte: l’omaggio di The Vision ad Alda Merini”

Il sogno di Mohammed el-Magrebi

Mohammed el-Magrebi abitava al Cairo, in una casetta dove c’era un giardino con al suo interno un fico e una fontana. Era povero. S’addormentò e sognò un uomo che gli diceva: “La tua fortuna è in Persia, a Isfahan… troverai un tesoro, vai!”.

Mohammed si svegliò e partì di corsa. Dopo mille pericoli arrivò a Isfahan. Qui, mentre cercava da mangiare, stanco morto, venne scambiato per un ladro. Lo picchiarono con canne di bambù e quasi morto venne incarcerato. Continua a leggere “Il sogno di Mohammed el-Magrebi”

Un libro, un bicchiere di latte e una scimmietta giocattolo appoggiata a un muro bianco, con su scritto: «Life is hard when you think it’s hard (la vita è difficile quando la credi tale)». Questo riesci a notare nel fotogramma che precede il video di Studentessa universitaria, uno singoli che – nei primi anni Duemila – hanno accompagnato il successo di Simone Cristicchi come cantautore.

La scritta scompare e riappare solo a metà canzone come se fosse un messaggio subliminale, quasi a ricordare quanto, a renderci più o meno felici, non sia la realtà ma il nostro modo di guardarla. In fondo, come dice Cristicchi dal palco di “Happy Next alla ricerca della felicità”, il nuovo spettacolo al debutto al Ridotto del teatro Comunale dell’Aquila, «non abbiamo bisogno di cambiare il mondo, ma solo di guardarlo con occhi diversi».

Continua a leggere

Tra Joker e Batman non c’è differenza in psicologia

Joker nasce quasi con Batman: il personaggio appare un anno dopo il primo numero del fumetto con l’uomo-pipistrello, nel 1940. Da allora Joker è stato studiato e analizzato da numerosi psicologi e studiosi: di che patologia soffre? Perché è così folle? È cattivo o malato? Crudele criminale, o psicopatico incapace di intendere e volere? Cosa si cela dietro quel sorriso? E perché qualcuno dovrebbe seguirlo? Continua a leggere “Tra Joker e Batman non c’è differenza in psicologia”

Blog su WordPress.com.

Su ↑