Coronavirus, il magistrato: “Controlli e limitazioni alla privacy inaccettabili”

“Vietare gli assembramenti non può includere il divieto di andare a trovare un amico, di uscire a fare una passeggiata con la fidanzata o coniuge alla distanza che si ritiene opportuna. Ci viene vietato di vivere una vita di relazioni, con un controllo sulla privacy individuale inaccettabile”.

A parlare è l’ex pubblico ministero di Pescara, Gennaro Varone, L’ex pubblico ministero di Pescara Varone attacca il Governo: “Decreto per la fase 2 incostituzionale” in merito al decreto per l’emergenza Coronavirus che entrerà in vigore dal 4 maggio.

Secondo Varone, noto per le numerose inchieste importanti portate a termine a Pescara ed in Abruzzo fra cui Sanitopoli ed i procedimenti nei confronti del senatore D’Alfonso, il decreto sarebbe incostituzionale in quanto di fatto limiterebbe le libertà personali delle persone, che sono invece tutelate, garantire e riconosciute dalla Costituzione.

 

Una risposta a "Coronavirus, il magistrato: “Controlli e limitazioni alla privacy inaccettabili”"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: