Appena in tempo …

…alcuni di noi volevano assolutamente far nascere una strana ma innovativa iniziativa giornalistica proprio in occasione del 40esimo anno dalla chiusura degli ospedali psichiatrici, vera conquista di cui siamo orgogliosi nel mondo. In questo blog non si parlerà solo di problemi di salute mentale questa è una promessa del comitato di redazione. Certo, il nostro sarà un collettore di “viaggi nella mente”: racconti in prima persona da parte di un uomo o una donna che ha vissuto l’esperienza di una condizione di sofferenza della mente che però non ha impedito loro di essere capaci di vivere una vita degna, soddisfacente e di realizzare desideri e fare sogni come tutti
quanti. Naturalmente, il fatto di vivere in un contesto controverso come quello dell’Aquila, apre degli spunti su dinamiche legate alla ricostruzione post-sisma.

50b1fb84f633d473ccddcf1e9f4544d5

Bene, ma allora perché tanta fretta? In questo battesimo, che speriamo coinvolga più di tre lettori manzoniani, si vuole dare spazio rilevante proprio a quella sezione che poi sarà una sezione come le altre che abbiamo definito “un viaggio nella mente”

In questi post potete leggere alcune pagine veramente toccanti in cui le persone che scrivono, con molto coraggio raccontano la sofferenza che hanno vissuto ma anche il grande sforzo che hanno fatto per uscire fuori da un tunnel che sembrava senza uscita. Sono storie di successo: probabilmente non tutte hanno un lieto fine ma in questo momento di orgogliosa ricorrenza del 40esimo della chiusura abbiamo pensato di pubblicare alcune storie vincenti come segno di speranza per una buona vita. A volte poter esprimere attraverso la musica la pittura la scrittura insomma l’arte in generale può aiutare a lenire la sofferenza e potere, attraverso un linguaggio artistico,mostrare come dal buio si può passare alla luce e quindi ad una vita soddisfacente.

maxresdefaultLa percezione di essere persona e non solo malattia è una delle più grandi conquiste di una persona che può dimostrare anche a tutti gli altri di essere una persona.

Buona lettura.

Ovviamente chi vorrà intervenire sarà benvenuto perché questo blog è come una casa aperta a tutti quanti senza distinzioni.

di Massimo Casacchia – professore ordinario di psichiatria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: