“Lettere dal manicomio”, viaggio a ritroso

“Lettere da un manicomio” è un ritorno al passato, prima dell’avvento del movimento basagliano, un modo per dar voce alle parole scritte dai degenti del manicomio di San Girolamo a Volterra, messe nero su bianco per non essere mai spedite. Sentimenti, emozioni, preghiere abbandonate, ritrovate solo dopo anni all’interno delle cartelle cliniche dei ricoverati. Ed è a loro che Simone Cristicchi presta la sua voce, analizzando così, in un alternarsi di monologhi e canzoni, il disagio mentale e il cinico distacco che lo circonda.

5 dicembre, si gioca per la salute mentale

5 dicembre 2018, giornata mondiale della salute mentale. A L’Aquila si è svolto un quadrangolare di calcetto anche con ospiti venuti da fuori ed è stata decisamente una bella giornata, rilassante, stimolante e ricca di significato. I ragazzi con problemi psichici si sono affrontati sportivamente e amichevolmente, con molto entusiasmo. Lo sport come antidoto al disagio psichico e come forma di partecipazione edunione nel segno dell’amicizia e di una sana competizione per dare un calcio ai problemi mentali. Nel video di Stefano Ratini gli interventi degli operatori sanitari.

La paura e la voglia

A lei feci una corte che, dopo un decennio, divenne spontanea e spietata.
Mentre, d’altro canto, lei non faceva altro che lasciare intendere che ci stava, ma che sul più bello non ci stava, facendomi impazzire di inconsumata voglia.
Per scoprire poi che ella aveva già due amanti che, nonostante anch’essa si era enormemente invaghita di me, non venivo ricambiato a causa della malvagità degli uomini che già la possedevano. (L’irrequieto)

Una madre

Una madre,cos’è una madre? Una persona che genera un’altra vita, ma si può chiamare tale una persona che abbandona il sangue del suo sangue lasciandolo in balia delle intemperie della vita? Si può definire una madre quando schifa il sangue del suo sangue per motivi futili? Ebbene tali madri non sono degne di essere tali,sono uteri nati per procreare.
È assurdo manifestare contro la violenza sulle donne, quando anch’esse violano la parte più importante. La violenza di per sé è ingiusta,uomo, donna e bambino questa è violenza!
Non donate soldi,donate amore.
Non donate botte,donate gioia perché la vita è una e non fa distinzioni. (Federica)

Una nuova alba dentro l’imbrunire

Penso a come stavo bene prima,  a come sono stato bene per tanto tempo pensando di essere guarito, a tutti i programmi di viaggi che avevo, a come tutto è crollato in un momento ma anche a come tutto questo abbia un senso,  forse si, forse bisogna saperlo vedere il senso ma c’è, c’è di sicuro.

“E il mio maestro mi insegnò come è difficile trovare l’alba dentro l’imbrunire.”

Dovevo imparare qualcosa, dovevo capire  che non si può e non si deve cantare vittoria troppo presto,  non ci si può e non ci si deve lasciar portare troppo in alto o lasciarsi troppo andare.

Forse dovevo passare attraverso questa esperienza per capire, per conoscere meglio me stesso e imparare a non concedermi eccezioni alla regola.

di Stefano Ratini

“I matti sono gli eccetera degli altri”

“I matti sono gli eccetera degli altri” scrive Mariaester Graziano, autrice del libro Il nome del Rosa a cui questo video si ispira. La canzone di sottofondo è “Solo se tu” registrata da Fabio Iuliano. Nel video appare la stessa autrice, insieme a Diletta De Santis, ritratte da Marianna Coccia.

Genovese e la lente della speranza

La cifra stilistica di Paolo Genovese regista di film come “Perfetti sconosciuti” o “The Place” non è la stessa del Paolo Genovese scrittore: un romanzo come “Il primo giorno della mia vita” (Einaudi) ha un tessuto narrativo diverso da quello usato nel cinema. Dalle visioni drammatiche dei lungometraggi l’autore passa a un racconto che apre alla speranza. Una vicenda che contempla la possibilità di rialzare la testa quando tutto sembra perduto. Quella possibilità di portare la luce nel grigio, quel giorno in più. Emily, Aretha e Daniel hanno ognuno una ragione per essere stanchi di esistere, mentre Napoleon – personaggio che apre il libro – sembra avere avuto tutto dalla vita. Eppure è più determinato degli altri a farla finita. Continue reading “Genovese e la lente della speranza”

Blog su WordPress.com.

Su ↑